Giorgio Biheller

Maurizio Piovan vive per la pittura ed in essa ha trovato il modo di esprimere le sue sensazioni. L’espressione artistica è particolare e molto soggettiva, ed è il suo modo per farsi comprendere: fa sintesi della forma ed evidenze il colore con un effetto piacevole e comprensibile per chi guarda le sue opere.

Questo è il risultato di un lavoro continuo sul colore, sulla sua composizione e soprattutto sull’effetto luce – ombra, che ci conduce a scoprire e capire l’artista. Emergono così le emozioni e le sensazioni di Piovan che sono la materia prima della sua espressione; esprime le sue sensazioni puntando sul colore, interpretandone le forme e di fronte alle sue opere si scoprono i suoi sentimenti che si “trasformano-come lui dice-in pittura, in colore, in forme artistiche pure”.

Sentimenti che, pur sfuggevoli, vengono fissati sulla tela, attraverso composizioni cromatiche che evidenziano la sensibilità e le capacità del pittore. Le pennellate sono sicure e precise e le rappresentazioni vengono caratterizzate da segni di luce evidenti ma ben bilanciati. Le forme e le luci sono quindi sensazioni proprie dell’artista e il colore, le tonalità cromatiche variano continuamente, sembrano una invenzione ma sono soltanto la prova della scoperta artistica ed espressiva di Piovan.

La continua ricerca del colore, il sodo lavoro, la coerenza e la costanza: questi sono i pregi di questo artista che persegue in ogni sua opera la sua collocazione e dimensione artistica.